crostata al cioccolato senza uova

Crostata al cioccolato speziata (Spiced chocolate tarte)

(English version in purple) Come dice Bree Van de Kamp “Porto sempre io il dolce” e portare qualcosa a casa di qualcuno (in particolare dei suoceri) senza aver testato in precedenza la ricetta né assaggiato il risultato è un rischio, tanto più se la padrona di casa è una cuoca di grande maestria ed esperienza…
Tuttavia, sia l’esperienza che ti fa valutare la validità di una ricetta già “sulla carta”, un po’ talune fonti rivelatesi sempre affidabili, consentono talvolta di avventurarsi per queste strade rischiose con successo!
Like Bree Van de Kamp “I always bring dessert!” and to bring something you never tried or taste before to someone (expecially to your in-laws) is a real risk if your mother in law is a very good cook.

Una fonte davvero affidabile è per me la collana Scuola di Pasticceria del Corriere della Sera, ed è dal secondo volume, dedicato alle torte al cioccolato, che proviene questa ricetta, il primo dolce che abbia portato a pranzo dai miei suoceri!! Un successone!
One of most reliable recipe source is for me the series “Pastry making school” of the Corriere della Sera (here there are more recipes), and is from the second volume (Choccolate cakes) that this recipe came frow: the first cake I brought to my in-laws. A real success.

L’ho replicata diverse volte, la variante che vi propongo è senza uova e (volendo) senza latticini, l’ideale per accontentare diversi ospiti con un dolce golosissimo! Tra parentesi trovate mie modifiche alla ricetta originale.
I made it several times, I propose you also some ingredient shift, to make it without eggs and (if needed) without dairy products. You can find my changes in brackets.

Crostata cioccolato senza uova

Ingredienti (per una crostata di 24 cm diametro)

  • 100g zucchero
    100g sugar
  • 150g burro (margarina)
    150g butter (margarine)
  • 250g farina 00
    250g all purpose white flour
  • 2 tuorli (io non li ho aggiunti)
    2 yolks (I didn’t used them)
    Per la ganache – For the chocolate cream
  • un pizzico di mix 4 spezie (zenzero, cannella, chiodi di garofano, noce moscata) – a pinch of four spices mix (ginger, cinnamon, cloves, nutmeg)
  • 300g cioccolato fondente
    300g plain chocolate
  • 2,5 dl panna fresca (panna vegetale non zuccherata)
    250ml fresh cream (vegetable unsweetened cream)

Procedimento:

  1. Preparare la pasta frolla impastando velocemente gli ingredienti con la punta delle dita. Formare una palla liscia, avvolgerla in pellicola trasparente e lasciarla riposare in frigo per 30 min.
    Prepare the short crust pastry with flour, butter/margarine, sugar and the yolks, draw together with fingertips and knead quickly and lightly until smooth. Wrap in foil and refrigerate 30 min. before using.
  2. Preparare la crema: spezzettare il cioccolato e scioglierlo a bagnomaria con la panna mescolando finché il composto non risulta liscio ed omogeneo. Togliere dal fuoco e continuare a sbattere con la frusta finché la crema resterà attaccata alla frusta (nota: io spesso aromatizzo la crema con del liquore, forse per questo pur sbattendo rimane abbastanza liquida, la riuscita della ricetta cmq non ne risente).
    Prepare the chocolate cream: cut the plain chocolate and melt it in a water bath (bain-marie) with the cream until smooth and homogeneous. Turn out the heating and keep whip the cream for some minutes.
  3. Stendere la pasta frolla in un disco sufficiente a foderare fondo e bordi di uno stampo imburrato con cerchio apribile di 24 cm di diametro. Bucherellare il fondo e conservare i ritagli di pasta per la decorazione finale.
    Roll out pastry and use to line a lightly-buttered 24cm fairly deep baking tray with removable ring. Trim away surplus paste and reserve. Riddle the pastry with a fork.
  4. Consiglio: Se utilizzate la frolla con la margarina e senza uova tenderà a rompersi più facilmente. In questo caso rivestite i bordi della tortiera facendo un’opera di collage. Inoltre in cottura i bordi si ritraggono di almeno un centimetro e mezzo, cercate di ricoprire l’intero bordo con la pasta.
    Should you use margarine the short crust pastry would be more fragile, thus to line the tray ring likely you would do a collage!! Remind that during the cooking, the pastry will shrink back.
  5. Versare la crema nel guscio di frolla, decorare a piacere con le striscioline di pasta e infornare. Se la crema vi sembra non sufficientemente densa da sostenere le striscioline di pasta, cuocete a parte dei fiorellini o dei cuoricini che poi sistemerete sul dolcl, spolverati di zucchero a velo, come in foto.
    Cottura: 25/30 min. a 180° (anche ventilato).
    Pour the chocolate cream into the short crust pastry, decorate with the trimmed pastry and bake in the centre of pre-heat owen. Cook for 25-30 min. at 350°F.
  6. La mia variante: Se non volete/potete usare le spezie, è possibile lasciare la frolla “neutra” ed aromatizzare la crema al cioccolato con un liquore di vostro gradimento, ad es. il San Marzano Borsci.
    Should you not want or cannot use spice, you can use some liqueur.

DSCN0200

Ho preparato tre volte questa crostata ed è sempre stato un successone, tuttavia della fetta ho solo questa foto non perfetta!!!
I made three times this tarte and was always…WOW!!! BTW I have only this pics of the piece, not very nice, but very very tasty!!!

P1012778

Il rischio della formazione di bolle sulla superficie (solo antiestetiche, il sapore non viene alterato) è ridotto se si completa la crostata con le striscioline di pasta sulla crema, che però, se si utilizza una frolla alla margarina, è più difficile realizzare. It is possible that on the surface there will be some unsightly bubbles (the taste is good as well!).

Annunci

16 pensieri su “Crostata al cioccolato speziata (Spiced chocolate tarte)

  1. Ciao Clelia
    dopo un po’ di pausa dalla cucina per esami vari, oggi vorrei fare questa torta per una cena a casa dei “suoceri”, però vorrei chiederti una cosa…
    L’unica teglia col bordo apribile che ho è si di 24cm, ma è alta, non è la classica teglia da crostata e soprattutto ha i bordi perpendicolari al fondo (mentre quella da crostata li ha obliqui) e non vorrei che durante la cottura i bordi scivolino giù e la crema prenda il sopravvento 🙂
    tu che teglia hai usato? la tua torta è venuta “alta”?
    grazie mille e buona giornata intanto!
    ah già, e buon anno!

  2. Ciao Alice e grazie del commento!
    Allora, la tegli ache ho usato io è esattamente quella che hai descritto tu: cerchio apribile alto di 24 cm ^_^

    Certo i bordi scivolano un pochino in cottura, quindi ti consiglio di fare un bordo di almeno 4 cm (puoi anche “rattoppare la pasta se non ti esce la sfoglia perfetta!!!!)
    Il ripieno con le dosi in ricetta arriverà a circa 2 cm, quindi la pasta avrà parecchio spazio per “assestarsi” nella sua “naturale” discesa!

    Allora aspetto di sapere come verrà!
    Ciauuuu

  3. Oh grazie, mi hai tolto questo dubbio, ora sono più tranquilla!!
    dopo pranzo mi metto ai fornelli e domani dopo che tutti avranno assaggiato la torta ti farò sapere il risultato.
    ancora grazie!

  4. Ciao Clelia
    Innanzi tutto i bordi hanno retto seguendo il tuo consiglio!
    Però una volta cotta ho iniziato a demoralizzarmi…
    Prima di tutto la torta non si voleva staccare dal fondo (la prossima volta… carta da forno anche se c’è il bordo apribile!), poi quando ce l’ho fatta, tutto il bordo si è staccato dal fondo della torta.
    L’ho poi assaggiata, e la crema mi è sembrata troppo amara, ottima consistenza, ma troppo amara…
    Ero demoralizzatissima!!
    Però a cena l’hanno mangiata tutti facendo anche il bis, e poi ne ho mangiata una fetta il giorno dopo e mi è sembrata più buona da “vecchia”.
    In ogni caso ti hanno fatto tutti i complimenti 😉
    grazie mille!!

  5. In effetti la dolcezza dela crema dipende dal tipo di cioccolato che si usa, e poi con il cioccolato si va molto a gusto personale, c’è chi preferisce una nota più dolce e chi più amara.
    a me per es che sia leggermente amaro e con del liquore non dispiace. E infatti raramente uso solo cioccolato al latte. Però sono intercambiamili e li puoi mischiare secondo il tuo gusto!
    Sincermente a me non è mai arrivata al giorno dopo, ma mi fido del tuo giudizio sulla sua maggiore bontà!!!!
    Sono contenta sia piaciuta ai tuoi ospiti, se la rifai puoi provare ad aggiungere del cioccolato al latte o bianco per addolcirla, oppure utilizzare della panna zuccherata!!
    Mi spiace che i bordi si siano frantumati, con le frolle il consiglo è sempre quello di farle raffreddare benissimo, al limite anche in freezer, prima di sfromarle (basterà scaldare un pochino sulla fiamma lo stampo).
    Se usi la carta da forno tagliala a misura del fondo, altrimenti i bordi vengono irregolari!
    Baci

  6. Cosï com`é?
    800 di latte intero
    200 di panna
    8 tuorli
    70 di fecola
    15 di amido per non rischiare di scivolare
    E 200 di zucchero
    E il limone grattuggiato

  7. non ho capito quali dosi hai raddoppiato, però no!
    Quello che devi raddoppiare è questo
    320 g di latte intero fresco, 160 g di panna fresca, 220 g di zucchero semolato, 145 g tuorli (circa 6), 30 g di fecola di patate.
    Per i tuorli puoi anche aggiungere una o due uova intere fino a araggiungere il peso indicato se non vuoi sprecare troppi albumi!

Dai da mangiare al mio blog: Lascia un commento! PS: Solo il primo commento è soggetto ad approvazione (causa spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...