La Pizza di Cle

Questo è il procedimento che seguo per preparare la pizza a casa. Le dosi sono per 500g di farina e sono adatte ad essere lavorate sia a mano che nella Macchina Del Pane.

DSCN1083

500g di farina (400g farina 00 per pizza, 100g semola che da maggiore croccantezza al bordo)
1/2 cubetto di lievito (circa 12g)
260/250g acqua tiepida (dipende dalla farina)
due cucchiai di zucchero (specie in inverno, lo zucchero aiuta la lievitazione, in estate basta un cucchiaio)
due cucchiaini rasi di sale (attenzione a non farlo entrare in contatto diretto con il lievito, perché è antagonista della lievitazione)
un cucchiaio di olio per non far attaccare la pasta alle pareti dell’impastatrice (ma quando la faccio a mano l’olio io non lo aggiungo)
L’altro ingrediente fondamentale è la PAZIENZA!!!
La pasta va lavorata a lungo, stirandola più volte sulla spianatoia e sbattendola un poco sul piano di lavoro. Lasciarla lievitare almeno 1 ora e mezza in estate (o se la temperatura in cucina è intorno ai 28°) , e due ore abbondanti in inverno, coperta da uno strofinaccio leggermente inumidito e avvolta in una coperta o in una tovaglia grande (io scaldavo un pochino il forno a gas, mentre in quello elettrico tengo accesa la lampadina e la lascio lievitare nel forno spento, ma ora il più delle volte lievita nella macchina del pane che crea la giusta temperatura).
Quando si stende la pizza si abbia molta cura e si proceda a seconda del risultato che si vuole ottenere: se la si stende con il mattarello tenderà ad essere croccante e rimanere più bassa, se la si vuole più alta e soffice, invece, stenderla con le mani (meglio scaldare leggermente la teglia, e ungerla un pochino, e lavorare la pasta con le mani unte di olio) man mano perderà elasticità e rimarrà stesa!
Condimento: io scaldo leggermente passata di pomodoro, olio, sale, origano, basilico e capperi e ce lo spalmo su generosamente, a metà cottura aggiungo la mozzarella!
Forno caldissimo! Al massimo (a me purtroppo solo 250°)
Meglio usare la leccarda del forno, è l’ideale per far cuocere la pizza per bene anche sul fondo, altrimenti posizionare la teglia il più in basso possibile!

Con 500g di farina vengono fuori due teglie di pizza stese al mattarello (come in foto), oppure una grande (stesa con le mani) e sei pizzette da 12 cm che poi finiscono dritte in congelatore! 😉


Potrebbero interessarti anche:

panzerotti forno   salatini  rotolo al salame e provolone

Advertisements

13 pensieri su “La Pizza di Cle

  1. grazie per le info!!! la farò!!! devo aspettare il 7 marzo (ora sono a dieta ristrettissima … devo entrare nei pantaloni che ho comprato per un matrimonio al quale devo andare il 7 marzo!!) … dall’8 marzo mi concederò qualche giorno di pausa e poi … di nuovo a dieta fino al 29 aprile (altro matrimonio!!) … poi, finalmente, sarò libera di … mettermi a dieta per andare al mare … uffa, ma non c’è tregua!!! 😦

  2. Cleee!! La mia è venuta una tragedia, però ho usato la farina senza glutine. Mi appello alla tua saggezza…. in tre ore in ambiente calduccio la pasta è lievitata pochissimo, può essere che è colpa del lievito per pizza in busta paneangeli al posto del lievito fresco? e quanto può essere lo spessore massimo perché possa cuocere bene?
    grazie! ^^

    1. Aspetta aspetta aspetta!
      Non conosco la resa della farina che hai usato, ma se è un mix acquistato per lievitati dovrebbe essere adatto, non so.
      Ma…… Che intendi per lievito per pizza della pane angeli? Il pizzaiolo o il mastro fornaio? In soldoni, la bustina gialla o la bustina argentata?
      La bustina argentata (mastro fornaio) è lievito di birra secco (=di lunga conservazione) e io la uso abbastanza spesso nelle emergenze.
      La bustina gialla (pizzaiolo) è lievito istantaneo (lievitazione nel forno durante la cottura) come per i dolci, solo che non è aromatizzato alla vaniglia, e si usa per torte salate, plum cake salati… Ma anche dolci se non ti interessa l’aroma vaniglia!

      Se hai usato il lievito pizzaiolo ecco trovato il problema!!! (E cmq la pizza segue do la ricetta sul retro della bustina è orrenda in ogni caso)
      Se invece hai usato mastro fornaio può darsi che il lievito era un po’ vecchio o la farina non adatta.

      Spero di averti aiutata!
      Baci

      1. Grazie mille!! Ho usalo il lievito mastro fornaio (ma era la prima volta, per quello avevo dei dubbi) ma poi mi sono accorta che ho preso il mix per pasta e gnocchi e non il mix per pane, pizze etc.. la differenza tra le due è che nella prima c’è solo mais e niente riso, che invece c’è in tutte le ricette delle pizze già pronte che ho provato.. dev’essere che la farina di mais da sola non lievita bene… riproverò! Ciaooo :*

Dai da mangiare al mio blog: Lascia un commento! PS: Solo il primo commento è soggetto ad approvazione (causa spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...