Cannelloni di Cle

Era una vita che non mangiavo cannelloni! Ricordo di averli fatti l’ultima volta a casa dai miei (utilizzando quella che anni dopo ho scoperto essere una sparabiscotti), ma ricordavo davvero poco o niente su cosa ci avessi messo all’epoca dentro (oltre al macinato di carne, si intende!!).

Quindi cornetta alla mano… “Mammì che ci devo mettere nei cannelloni? L’impasto delle polpette?!” Mamma: “Nooo! Ci viene meglio un ripieno tipo quello delle melanzane ripiene, mettici un po’ di verdure, sugo al pomodoro, un uovo è più che sufficiente, …”.

Mi si accende la lampadina Lampadina“TIN!” Vuoi vedere che riesco a far mangiare le verdure a sgamuffo al mio Amour e a farmi dire anche “buonissimo!!!” Sarcastico

Ebbene, così è stato! Ho sfornato i cannelloni più buoni che abbia mai mangiato, davvero, anche se poco fotogenici! Sui secondi devo ancora imparare a comporre per bene le foto, lo ammetto!!!

Tanto li ho trovati riusciti che questa è stata la prima ricetta inserita nella mia nuovissima Moleskine Passion–Recipes che alcuni amici mi hanno regalato per il compleanno. Davvero un ottimo modo per cominciare a compilarla!

Ingredienti (per circa 16 cannelloni):

  • 1/2 confezione di cannelloni all’uovo
  • 500g macinato
  • 70g pancetta dolce tagliata a dadini
  • una melanzana media e/o delle zucchine
  • 1/2 cipolla
  • 1 bottiglia di passato di pomodoro
  • 1 bicchiere di acqua
  • sale e pepe q.b.
  • 5 cucchiai olio evo
  • basilico
  • aglio
  • 50g scamorza o mozzarella ben strizzata
  • 60g di parmigiano (e/o pecorino se amate un gusto più deciso)
  • 1 uovo (io ho usato un solo albume che dovevo consumare)
  • pangrattato q.b. (circa 50g)
  • 200ml besciamella

Cannelloni di Cle

(Foto)Procedimento:
Piccola premessa: Come forse già sapete io non uso il soffritto quindi il procedimento che vi propongo vi consente una cottura di più facile digestione ma vi assicuro dal massimo gusto ugualmente!

  1. Scaldare molto bene una pentola d’acciaio sufficientemente larga da accogliere il macinato in uno strato non troppo spesso e lasciarlo colorare. Nel frattempo sbucciare la melanzana (e o la zucchina… sempre che come me abbiate la necessità di “camuffarle”!) e tagliarla a cubetti. Sminuzzare anche la cipolla quindi unire le verdure alla carne e continuare a rosolare a fuoco vivo. Aggiustare di sale e pepe.
  2. Aggiungere l’olio, mescolare per bene ed aggiungere anche il passato di pomodoro, un bicchiere di acqua e cuocere per circa 50 min. A fine cottura aggiungere il basilico. (Consiglio: l’acqua che aggiungete può essere prima versata nella bottiglia di passato di pomodoro e versata in pentola dopo aver dato un’agitata alla bottiglia: in questo modo riuscite a recuperare tutto il passato della bottiglia ed ad aggiungere il liquido in più necessario).
  3. Con un mestolo forato raccogliere la carne e le verdure dal sugo, sistemarla in una ciotola e frullarla con un minipimer.
  4. Unire alla carne il formaggio, la scamorza a dadini, l’uovo e pangrattato quanto basta ad ottenere un impasto morbido ma compatto e che non mostri “liquidi”.
  5. Trasferire il composto in un sac à poche e riempire i cannelloni (in mancanza potete riempirli con le mani come nella foto in basso).
  6. Versare sul fondo di una taglia un mestolo del sugo in cui avete cotto la carne e disporci all’interno i cannelloni, uno di fianco all’altro e in un unico strato.
  7. Ricoprire con il sugo rimanente e variegare con la besciamella. Spolverare di formaggio grattugiato, basilico e noce moscata ed infornare.
    cannelloni fotoprocedimento
  8. Cuocere per 30 min a 180/190°. Al termine lasciare i cannelloni per altri 10° minuti nel forno spento.
  9. Note: Questo ripieno va bene anche per dei paccheri o dei conchiglioni di semola da cuocere al dente e gratinare in forno per qualche minuto dopo essere stati ripieni. Il vino da abbinare è un rosso corposo, magari un primitivo o un negramaro, entrambi vini pugliesi.

Cannelloni di Cle


Potrebbero interessarti anche:

lasagne al pesto  gulash  brasciole

3 pensieri su “Cannelloni di Cle

  1. 😉
    anche perché cara Lilla a farsi due conti il tipo di cottura e gli ingredienti non sono poi incompatibili con la dieta, e di pancetta ce n’è poca poca poca!

Dai da mangiare al mio blog: Lascia un commento! PS: Solo il primo commento è soggetto ad approvazione (causa spam)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...