Insalata Nizzarda  (Nicoise Salad)

O magari suo cugino…. Il Condiglione! L’insalata nizzarda è un piatto unico a base di verdure crude, uova e tonno, tipica del Sud della Francia e della Costa Azzurra, di cui esistono innumerevoli varianti tra cui il Condiglione ligure, che … Continua a leggere Insalata Nizzarda  (Nicoise Salad)

Albero di Natale in Pan di Zenzero (GingerBread Christmas Tree)

Primo dicembre, l’aria di Natale si respira già! Caliamoci appieno nell’atmosfera natalizia con un post che so già a-do-re-re-te! Primo perché so che siete sempre alla ricerca di idee carine per i centrotavola, secondo perché se il centrotavola è edibile … Continua a leggere Albero di Natale in Pan di Zenzero (GingerBread Christmas Tree)

Cupcakes speziati alla zucca (Pumpkin cupcakes)

Sottotitolo: buona la seconda!!!

Vi ricordate del post in cui vi consigliavo di precuocere la zucca e di conservarla per averne sempre a disposizione quando volete preparare qualcosa di buono in poco tempo? E vi ricordate che l’esigenza nacque dal mio proposito di fare i cupcakes alla zucca di Martha Stewart?
(Today I replied a recipe from “the joy of baking”. English readers can easily refer to that post for the recipe, and to my video below for the decoration! )

Ooooh! Li ho fatti quelli di Martha… e li ho buttati! E’ evidente che qualcosa è andato storto con la conversione dai cups al sistema metrico (e sinceramente continuo a non spiegarmi come faccia il mondo anglofono a misurare in pasticceria gli ingredienti a suon di tazze, cucchiai e cucchiaini!).

Quindi ho provato un’altra ricetta, presa dal sito di “The Joy of Baking”, con tanto di conversione in grammi già fatta dalla gentile signora e video esplicativo, per esser certi che il risultato ottenuto sia il più simile possibile!!! Risultato più che buono, sia per l’utilizzo delle trotine come base per dei cupcakes, sia da mangiare tal quali, tipo muffin. Per la crema ho comunque usato la mia stracollaudata crema al cioccolato bianco e philadelphia che è perfetta!

cupcakes zucca
Vassoio Metropolis – IVV

Ma il sottotitolo “buona la seconda” si riferisce anche, ahimé, al momento della decorazione! Come preannunciavo qui, sognavo di fare questa decorazione a rosa da almeno un anno. Ho cercato spulciato in una infinità di pagine e blog il numero/nome della bocchetta adatta a fare questo decoro. Si fa a presto a dire “bocchetta a stella” e chi ci ha provato a casa con la propria bocchetta a stella sa bene che questa è una informazione incompleta, fuorviante, falsa e tendenziosa!!! Cosa vi costa signore blogger dirlo a chiare lettere che si tratta di una bocchetta Wilton M1 (ma anche la D4 dà ottimi risultati). Che senso ha avere un blog di cucina se poi non si vogliono condividere TUTTE le informazioni necessarie per la riuscita della ricetta E della decorazione??!! Va beh. Sfogo personale che volevo da una vita dedicare ad alcune blogger! Dicevamo… ho avuto problemi anche con la decorazione, nonostante, dopo affannose ricerche, la bocchetta giusta era nel mio cassetto, nonostante mi fossi esercitata prima del gran giorno, nonostante avessi pensato da tempo che questa sarebbe dovuta essere la ricetta giusta per far conoscere anche alle mie lettrici questa bellissima tecnica di decorazione… No! La mia mano è andata a pescare la bocchetta sbagliata, una bocchetta a metà strada tra quella giusta e quella sbagliatissima!!! Una bocchetta che avevo anche dimenticato di possedere (era in regalo con Crea e Decora i tuoi dolci), per cui non mi sono subito resa conto che era “colpa sua” e non della crema il fatto che la decorazione non stesse venendo come la Cle comanda!!! Cosa più grave… avevo pure fatto il video con la bocchetta sbagliata!!! Uff!

cupcakes alla zucca
Vassoio Metropolis – IVV

Va beh… Diciamo che con un piccolo “taglia, copia e incolla” culinario ho cercato di darvi almeno l’idea di quello che i miei cupcakes alla zucca dovevano essere. Quanto al video, sappiate che i movimenti che vedete, applicati alla bocchetta giusta, daranno il risultato esatto! Garantisce la Cle!  E adesso basta chiacchiere, passiamo ai fatti! A bocca aperta

Ingredienti per circa 20 cupcakes:

  • 195 g farina 00 (io ho usato la farina autolievitante Molino Spadoni)
  • 113g burro
  • 200g zucchero
  • 2 uova
  • 1 vasetto (180ml) di zucca precotta e ridotta in purea
  • 1 cucchiaino di lievito (potete ometterlo se usate farina che lievita)
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • due chiodi di garofano
  • un pizzico di sale
  • vanillina
    per la crema:
  • 150g cioccolato bianco
  • 150g philadelphia
  • latte q.b. (circa due cucchiai)
  • un pizzico di cannella (facoltativo)

Procedimento:

  1. Montate il burro con lo zucchero ed un pizzico di sale, quindi unite le uova e amalgamare per bene con le fruste. In ultimo unire la purea di zucca.
  2. Unire quindi la farina e le spezie e in ultimo il lievito.
  3. Suddividere il composto negli stampi per muffin o tortina, cuocere a 180° per 20 min. Vale comunque la prova stecchino. Lasciar raffreddare (oppure congelare fino al momento del servizio.
  4. Per la decorazione: sciogliere il cioccolato nel microonde o a bagnomaria, quindi unire il philadelphia aiutandovi con una frusta. Aggiungere qualche cucchiaio di latte se necessario.
  5. Trasferire la crema in un sac a poche con bocchetta a stella con punte piuttosto alte e distanziate, se possibile, e disegnate delle spirali partendo dal centro verso l’esterno (vedi il video, anche per la bocchetta!).

Continua a leggere “Cupcakes speziati alla zucca (Pumpkin cupcakes)”

Crostatatine al caramello e cioccolato (Caramel and chocolate tarts)

Grazie a Zeus è settembre, la mia stagione preferita sta per avere inizio! Però lo so già che i vostri figlioli hanno il muso lungo per il suono della campanella che si avvicina (anche se io ero tra quelli che non vedevano l’ora di rivedere i suoi amici) e anche voi sospirate all’idea di dover riprendere a lavorare lunedì prossimo. Lo so, lo so! Ma io ho tenuto in serbo per voi una chicca per darvi la giusta motivazione, ed i musi lunghi dei vostri figli/nipoti scompariranno in un battibaleno! La crostata al caramello e cioccolato!
Thanks Odin it’s September, my favourite season is coming! But I know that actually your kids are not so anxious to go back to school, nor you are so happy to say godbye to your holiday! I know that and this is the reason why I want to start this month with this delicious Caramel&Chocolate mini tarts.

crostata cioccolato e caramello

Avete presente i Twix no? Biscotto, mou e cioccolato. Ecco! In tre semplici mosse potrete ricreare in casa quella delizia, perché lo so che l’adorate!!! Però mi occorre mettervi in guardia: CREA DIPENDENZA! Il mio povero amour è caduto nel circolo vizioso del caramello e questa delizia è nata proprio per assecondare questa sua ultima ossessione!
Every body knows the Twix snack and every body love them! So here I am with this three-step-recipe to let you prepare your own twix flavoured tart on your own! I just created it for my boyfriedn who is twix/caramel-addicted in this period! But I have to say you that such tart is rather ADDICTIVE! So… be careful!

Ma come al solito posto un problema la Cle è pronta a darvi la soluzione: mini tartellette! Le tenete nel congelatore e quando la voglia vi assale ve ne godete due morsi in piena gioia e senza troppo rimorso per la linea! Potete portarle con voi in ufficio e addolcire al massimo la vostra pausa caffè, o semplicemente godervele sul divano a fine della giornata di lavoro. Enjoy!
But, you know: Cle is here also to solve such kind of problem. The solution to the caramel&chocolate addiction in really simple: mini-mini tarts! ;D They are the right treat for your coffee break in the office or your night cuddle after work.

Ingredienti per 4-6 persone (Ingredients for 4-6 servings):

  • 300g pasta frolla (shortcrust pastry)
    Per il mou – For the mou
  • 150g zucchero (sugar)
  • 100g panna fresca (cream)
  • una noce di burro (a knob of butter)
  • una tazzina d’acqua (1/4 cup water)
  • aroma vaniglia (vanilla)
  • un generoso pizzico di sale (two pinch of salt)
    Per la salsa al cioccolato – For the chocolate sauce
  • 150g cioccolato preferibilmente fondente (plain choccolate)
  • 150g di panna fresca (cream)
    *Vedi nota sulle intolleranze ed eventuali sostituzioni in fondo alla pagina

Procedimento – Directions:

  1. Preparate la pasta frolla (secondo la vostra ricetta, es. 500g farina, 200g zucchero, 250g burro/margarina, 50g di panna o un uovo), e lasciatela riposare in frigo per almeno mezz’ora. Poi stendetela in uno strato di qualche millimetro, trasferitela negli stampi (o in uno stampo da 24cm per una crostata unica), bucherellate la superficie, copritela con carta da forno e cuocete in bianco (=senza ripieno) per 15 min. Se necessario continuate la cottura per altri minuti senza la carta da forno sulla superficie per terminare la cottura. Per risparmiare tempo, potete congelare i gusci di pasta frolla ottenuti ed utilizzarli al bisogno
    (Prepare the shortcrust pastry following your abitual recipe. Let it rest for 30min in the fridge, then cook it in the molds without stuffing. You can store in the freezer the “pastry shells” for some weeks until you have to use them)
  2. Nel frattempo preparate la salsa al caramello: versate in un pentolino una tazzina d’acqua e lo zucchero. Portate ad ebollizione e lasciar cuocere fino a che l’acqua sarà del tutto evaporata ed otterrete un caramello biondo. NON MESCOLARE! Altrimenti si raggruma!Contemporaneamente portata e bollore la panna con mezza bacca di vaniglia (o della vanillina, o l’essenza di vaniglia, è indifferente). Appena il caramello è pronto versateci dentro la panna bollente (attenzione* al vapore che ne deriverà) e spegnete il fuoco. Mescolare con cura, quindi aggiungere una noce di burro ed il sale. Trasferire in una ciotola di vetro e lasciar raffreddare. Quando il caramello è del tutto sciolto versare la panna bollente nel caramello (=decuocere il caramello) e mescolare (usate un cucchiaio lungo!). Spegnete il fuoco.
    *ATTENZIONE: 1) il caramello quando lo decuocete produce vapore bollente (il caramello si forma a 180°), quindi non rimanete con le mani sulla pentola e a maggior ragione evitate di esporre il viso ai vapori che saliranno. Usate un cucchiaio di legno lungo per sicurezza in questa fase! 2) La panna deve essere già bollente quando il caramello è pronto. Altrimenti nel frattempo che scaldate la panna, anche se il fuoco è spento, il caramello continua ad andare avanti di cottura e brucia.
    (Prepare the Mou sauce: pour in a pan the water and the sugar. Let them boil and wait until all the water is evaporated and the sugar became a blond caramel. DO NOT STIR! In the meantime, let the cream and the vanilla extract boil and keep it hot. As soon as the caramel is ready pour the cream into it and stir. Heat off . Add the butter and the salt and let the mou get cool.
    BE CAREFUL: 1. the caramel and the cream will produce a very hot steam. Do not keep your hands on the pan. Use a long wood spoon. 2. The cream has to be already boiling when the caramel is ready. If it is not, the caramel will burn, even if you will light the fire off.)
    salsa al caramello
  3. Per la salsa al cioccolato far sciogliere il cioccolato nella panna a fuoco lento. Non occorre far bollire. Tenere da parte sino all’utilizzo (meglio se fuori dal frigo).
    (For the chocolate sause: melt the chocolate in the hot cream without let them boil. Let it get cool.)
  4. Montaggio del dolce: nel guscio di pasta frolla che avete ottenuto versare uno strato spesso qualche millimetro di caramello. Mettere in freezer a raffreddare per 15/20 min (non si indurirà, ma il raffreddamento aiuta a tenere ben distinti visivamente i due strati).
    (Tarte assembling: Pour the mou into the pastry shells with a spoon. I might obtain a few millimeter thick layer. Put the tarts in the freezer for 10/15 minutes. It won’t became hard, but will help you in a best layering, without mix togheter chocolate and caramel layers) .
    2012-08-14 12.38.34
  5. Quindi colare anche la salsa al cioccolato lasciata raffreddare. Lasciar raffreddare per bene (o conservare in freezer fino al momento dell’utilizzo)
    (Pour the chocolate sauce on the caramel layer and let the tarts rest in the fridge for some hours. You can also store them in the freezer at this point and serve when you need)
    2012-08-14 12.44.29
  6. Decorare il centro della crostata con dei ciuffetti di panna montata oppure con dei granelli di sale grosso. Io preferisco il sale, che contrasta bene con il dolce della crostata.
    (Decorate with some salt rocks or some whipped cream. I prefer the salt and the nice contrast feeling with the sweetnes sof the caramel)

DSCN1952

Se dovesse avanzarvi della salsa al cioccolato e della salsa al caramello …

Continua a leggere “Crostatatine al caramello e cioccolato (Caramel and chocolate tarts)”

Torta rovesciata all’ananas (Pineapple upside-down cake)

Edit: Sembra che il 20 aprile sia la giornata mondiale della torta rovesciata all’ananas! Direi che per oggi questa ricetta merita di restare in prima pagina!!!
It Seems 20th April is the Pineapple Upside-Down Cake… So… here it is in the home page!!!

Ho una marea di ricette in sospeso, riesco a ritagliarmi del tempo per cucinare ma non per postare con costanza. Oggi vi propongo questa semplicissima torta che avevo nelle bozze già da un po’. L’ho vista in molti blog e forum ma devo confessare che l’ispirazione definitiva me l’ha data una puntata di Desperate Housewifes in cui Gabrielle tenta di realizzare questo dolce seguendo le indicazioni di Bree al telefono. Come va a finire? Guardate voi stessi!!!
I saw this recipe in many blogs but actually the inspiration to make it cames from this Desperate Housewifes episode, where Gabrielle make a pineapple upside-down cake under Bree phone directions. What happened? Come and see (find here the english videoclip).

Come è andata a me? Fortunatamente meglio che a Gaby!!! Eccomi perciò a proporvi un’altra ricetta presa dalla cucina di Bree Van de Kamp: dopo la torta meringata al limone, ecco la torta capovolta all’ananas. L’intenzione che ho è quella di spulciare le puntate di Desperate Housewifes (le guardo la mattina mentre corro sulla mia bicicletta ellittica) e proporvene il maggior numero possibile. Spero l’idea vi piaccia!
What happened in my kitchen? Well… I was better than Gaby! So here it is the second recipe Mrs Van de Kamp suggested me: after the Lemon meringue pie, ladies and gentlemen, please welcome the pineapple upside-down cake. I wish to made all Bree’s recipes (more or less), I hope you will appreciate that!

DSCN1187

Continua a leggere “Torta rovesciata all’ananas (Pineapple upside-down cake)”

Gingerbread Christmas tree

La ricetta del Gingerbread ve l’ho già postata (anche se qui ho provato una diversa, ma devo dire che quella di Montersino mi ha soddisfatta di più!), con questo post, oltre che farvi gli auguri vi do semplicemente un’idea per un bel centrotavola di Natale. Quello che vi occorre è un armamentario di coppapasta a forma di stella ( a 5/6 punte), o delle sagome di cartone, di varie dimensioni. I already give you the gingerbread recipe. Here I want to suggest you another way to serve such biscuits: as a centerpiece! All you need are different size star molds … Continua a leggere Gingerbread Christmas tree