Articolo evidenziato

Focaccia alle cipolle (Onion focaccia)

Scampagnata di pasquetta, gita di scuola con “pranzo al sacco”, festicciola di compleanno, cene “porta qualcosa”… Ognuna di queste era una buona occasione per chiedere a mia madre “Mammi’ mi fai la focaccia di cipolle?”. Cosa che mia madre non si … Continua a leggere Focaccia alle cipolle (Onion focaccia)

“Faij e fogghij” buone anche per un brunch! :O

Faij e Fogghij, fuori dalla Puglia, Fave e Verdure…

Purè di fave

Non è un piatto, è un racconto.
Il racconto dei contadini che svuotavano intere pagnotte per riempirle di purè di fave e consumarle nei campi, a metà della giornata di fatica e lavoro.
Il racconto del mestolo di legno che da noi si chiama “cucchiara ti li faij” (cucchiaio delle fave) tanto è radicato questo piatto nella nostra tradizione.
Il racconto di ogni venerdì in cui dopo la scuola mia nonna ci faceva trovare “li faij” con i bastoncini di pesce fritto o qualche volta i gamberetti fritti.
Il racconto dei prodotti della terra, ognuno dei quali si sposa bene con questo purè: li fogghij (lett. le foglie, ma significa verdura di campagna, che cresce spontanea e soprattutto amara), gli ortaggi tutti, i pomodori, i peperoni verdi fritti, persino la frutta, l’uva e le mele in primis.
E’ il racconto del pane raffermo che non va buttato, ma tagliato a pezzi e mischiato al purè.
E’ il racconto del giorno dopo, in cui scaldi le fave con un filo d’olio e rendi un avanzo più buono e ricco.
E’ il racconto della “spurchia” da estirpare da sotto le piante delle fave, dei baccelli secchi da calpestare con i piedi, delle vecchiette sedute nei cortili che “mozzicano le fave” con delle pietre per ingannare i lunghi pomeriggi di fine estate. Le puoi sentire dalla strada, puoi sentire quel ritmo cadenzato sempre uguale che quasi concilia il sonno.
E’ il racconto delle pignate sul fuoco e della cucina antica ed autentica.
E’ il racconto di innamorati il cui core batte per l’amata e “scquacquarescia comu ‘na pignata di faij” (=fa il rumore delle fave in ebollizione nella pignata sul fuoco).

E’ il racconto della mia vita. E’ il mio piatto preferito. E’ povero e ricco allo stesso tempo. Non c’è niente come le fave. Non cc’è nientij comu li faij.

E come si fanno le fave? La prima volta che le ho cucinate avevo circa 14 anni, mi sembrò una cosa semplice in fin dei conti, bisognava solo fare attenzione a non farle attaccare al fondo della pentola. Mia madre mi elogiò dicendo che non era da tutti esserne capaci. In verità la cosa “difficile” o meglio “laboriosa” delle fave è il contorno! A casa mia le fave si accompagnano con di tutto e di più (un po’ l’utilizzo che al nord si fa della polenta, ma assolutamente non c’è paragone: le fave sono buone anche senza niente!!!): insalata di pomodori e caroselle (detta acqua e sale), friggitelli fritti e salati con sale grosso, peperonata e naturalmente li fogghij: la verdura. Quella che c’è. A me piacciono moltissimo anche con la frutta!

Ogni famiglia ha la sua ricetta e segreto di preparazione. La ricetta che indico qui è quella che mi ha insegnato mia madre, che a sua volta l’ha appresa dai suoi genitori, e che grosso modo corrisponde anche al modo di prepararle di mia nonna paterna. Mi sono concessa una piccola divagazione SOLO sulla presentazione in bicchierini che lasceranno i vostri amici superfighi del brunch senza parole e soprattutto desiderosi di averne ancora!!! Il gusto, ve lo assicuro, è superautentico D.O.C.G.! Occhiolino

P1010512

Ingredienti:

  • ‘na francata di faij secchi a testa (= per ogni persona contare una quantità di fave secche contenuta nelle mani “a coppetta” di una donna adulta e non esile!)
  • acqua (q.b. a coprire a filo le fave nella pentola)
  • sale (meglio poco, al massimo se ne aggiunge alla fiine)
  • olio di oliva della Puglia (circa due cucchiai a testa)
  • pane raffermo
  • verdure, ortaggi, friggitelli, lampascioni, insalata di pomodori, …di tutto e di più

Regole d’oro:

  • Mettere a bagno le fave secche poche ore! L’ideale è metterle a bagno la mattina presto (es. 6:00) per cuocerle verso la tarda mattinata. Mai metterle a bagno dalla sera prima, perdono tutto il sapore (nonno docet).
  • Le fave devono essere tutte della stessa “mamma”, ovvero provenire da uno stesso raccolto (o essere della stessa grandezza), altrimenti le singole fave cuoceranno in tempi diversi o peggio ne rimarrà qualcuna cruda (nonna docet).
  • Di regola appena l’acqua inizia a bollire bisogna eliminare con una schiumarola la schiuma che fuoriesce dalle fave. Mio nonno era contrario. Dipende dai gusti!
  • Evitare di aggiungere le patate (alcune scuole di pensiero le prevedono, a me piacciono senza!) o di cuocere le fave in un brodo (come fa la Parodi, ma dove l’ha visto??!!)
  • Ricordate che le fave per la prima fase della cottura vanno lasciate in pace, mescolatele il più tardi possibile (quando l’acqua sarà quasi completamente assorbita).
  • Occhio agli schizzi in fase di ebollizione: a parte il colore, dovete considerare il purè di fave lava!
  • Le fave dopo la cottura vanno sbattute con forza cu la cucchiara ti li faij (con il mestolo di legno). Ma va bene anche aiutarsi con uno sbattitore elettrico!!!

P1010509

Procedimento:

Continua a leggere ““Faij e fogghij” buone anche per un brunch! :O”

Purpietti (Polpette)

Meh Maria scia’, facimu li purpietti!” (=dai Maria su, facciamo le polpette) è la frase che potreste sentire proferire da mia madre o da mia nonna la domenica mattina verso le 10:30/11:00 come esortazione a preparare quelle succulente sferette che spariscono dallo scolafritti ancora bollenti per finire nella pancia di tutta la famiglia molto prima che sia ora di pranzo (in questo senso possono considerarsi un antipasto!).
Perciò a casa mia se ne preparano sempre in quantità industriale: un quarto sparisce prima ancora che l’ultima polpetta sia stata fritta, l’altro quarto sparisce nel tragitto tra la scolatura dall’olio e il venir tuffate nel sugo al pomodoro, il resto ce lo mangiamo con le tagliatelle ed il sugo!

Una delle primissime cose che ho imparato a fare da sola (frittura a parte) avevo 6 o 8 anni, anche se il primo tentativo fu un po’ troppo carico di aglio! Un piatto che è una fotografia del pranzo della domenica, l’odore delle polpette fritte accompagna a San Marzano il tragitto di tutti i bambini di ritorno a casa dal catechismo. E che gioia scoprire che quel buon odorino proviene anche da casa propria! Che bontà!

purpietti - polpette

Ma basta ricordi, veniamo alla sostanza! Vi dico subito che a casa mia le polpette non si panano né prevedono l’uso del pane bagnato nel latte, le galline non sono mai mancate ai miei nonni, e di conseguenza nemmeno le uova che come vedrete, qui abbondano rispetto alle comuni ricette di polpette. Le dosi che vi riporto sono quelle che ho seguito io per fare una piccola scorta in freezer per me e il mio amour, da mia madre basterebbero appena a soddisfare due persone!!! Occhiolino

Ingredienti per 300g macinato:

  • 300g macinato misto
  • 3 uova (sostanzialmente un uovo ogni 100g di carne)
  • 60g (circa) di parmigiano e/o pecorino grattugiato
  • uno spicchietto d’aglio
  • un mazzetto di prezzemolo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • pangrattato q.b. (possibilmente pane raffermo passato al mixer)
  • un dito di vino rosso

Procedimento:

Continua a leggere “Purpietti (Polpette)”