Risotto alla rucola

Quando penso alla funzione che dovrebbe avere questo blog nel mondo, la cosa a cui penso è sempre la stessa: un compendio di ricette su cui poter fare affidamento in ogni occasione. Non mi piace pubblicare ricette solo per far numero se non mi hanno convinta o se almeno non ho imparato qualcosa! In altre parole, ci tengo a risparmiare ai miei lettori, la sgradevole sensazione di non potersi  fidare delle ricette che si trovano qui perché una provata in precedenza è stata un flop o nulla di speciale. E’ la stessa sensazione che provo io con alcuni libri che … Continua a leggere Risotto alla rucola

pasta con zucchine e salsiccia profumata al finocchio

Lo so che lo state pensando: e basta dolciiiii! Facci la pasta!!! (I know you want more Pasta!)

L’ultima ricetta salata risale a novembre e siamo quasi a febbraio… il che può significare due cose 1) Cle mangia dolci anche a pranzo e a cena; 2) Cle per due mesi non ha cucinato nulla di nuovo. The last … Continua a leggere Lo so che lo state pensando: e basta dolciiiii! Facci la pasta!!! (I know you want more Pasta!)

Nuova Categoria: Lunch Boxes!

Per un po’ mi sono fatta prendere dalla mania dei Bento ed ho comprato, un po’ su Ebay, un po’ al Japan Palace al Lucca Comics, vari accessori per un porta pranzo in very Japanese style! Man mano che li utilizzerò ve li illustrerò con piacere!

Consumando pranzo (e cena) ogni giorno in ufficio, e non tollerando il mio stomaco e il mio portafoglio che mangi ogni giorno roba a caso in rosticceria, prepararmi il pranzo al mattino è un piacevole adempimento quotidiano! In fondo i piatti di veloce esecuzione sono sempre stati tra i miei cavalli di battaglia! E poi in questo modo riesco a NON spiluccare mentre spadello (di primo mattino non è proprio possibile!!!).

Perché si parli, però, di veri “Bento” è necessario che il portapranzo sia, oltre che bello all’occhio, anche completo di carboidrati, proteine e verdura, accompagnato da un side-dish con frutta o dolcetti. Non sempre ho tempo di preparare un Bento completo o un Obento (=bento artistico), quindi alla categoria ho assegnato il più generico nome di Lunch Boxes (qui tutti i post).

Inutile dire che le ricette proposte in questa sezione sono naturalmente valide ed eseguibili anche per la famiglia, a pranzo come a cena, a patto di moltiplicare le dosi che in questa sezione saranno rigorosamente per uno!!! Per comodità indicherò i tempi di preparazione, ma considerate che io utilizzo un bollitore elettrico per l’acqua, risparmiando così diversi minuti!

In ufficio ho la possibilità di disporre sia di frigorifero, sia di microonde, ma molte ricette che proporrò possono anche non essere scaldate, o comunque essere conservate sino all’ora di pranzo in una borsetta frigo!

Spero troviate interessante ed utile questa iniziativa, intanto ecco il primo Bento:

P1010070

Cous cous con salsiccia e zucchine (15/20 min):

  • 70g cous cous precotto
  • 150g zucchine
  • 150g salsiccia
  • sale, pepe, olio q.b.
  • un rametto di rosmarino e bacche rosa per decorare e profumare

Preparare il cous cous secondo le indicazioni sulla confezione (5 min) e conditelo con uno o due cucchiai di olio e sale.
Scaldare una padella di acciaio sul fuoco senza grassi, quindi cuocere a fuoco vivo la salsiccia spezzettata (5 min). Intanto tagliare la zucchine a cubetti e versarla in padella. Lasciar cuocere insieme altri 3 o 4 minuti, eventualmente con il coperchio. Aggiungere sale e pepe.
Nel vostro portapranzo sistemare da un lato il cous cous, e dall’altro lato la carne con la verdura (oppure se preferite mischiate tutto, ma così andrà via più tempo!!). Pronto!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Continua a leggere “Nuova Categoria: Lunch Boxes!”

Passato verde

Lo so che state per pensare che le zucchine siano uno dei miei ingredienti preferiti! Per la verità assolutamente no! Se propinatemi “in purezza”, in qualsiasi modo cotte, le detesto con tutte le mie forze e non riuscirei a mandar giù più di due bocconi (forse giusto grigliate e sommerse di olio e aromi…). Però c’è da dire che sono molto versatili, cuociono in poco tempo e il loro sapore delicato (leggi: il fatto che non sappiano di niente!) consente di usarle nei modi più disparati… soprattutto quando si è a dieta o in generale si ha poco tempo per … Continua a leggere Passato verde

Nostalgia d’estate: rotolini di zucchina e ricotta profumati!

Le procedure svuotafrigo diciamolo! sono quelle che mi regalano più soddisfazione e che mi hanno regalato i piatti più riusciti! Oggi questa bella giornata di sole e il profumo di primavera che inizio ad avvertire per strada mi hanno suggerito … Continua a leggere Nostalgia d’estate: rotolini di zucchina e ricotta profumati!

Purè di patate a modo mio

La mia prima esperienza con il purè è stata una quindicina di anni fa, a cena da una mia parente (non proprio il Top delle cuoche) che mi propinò il purè nella sua versione più spoglia e anonima (preparato per purè, acqua e latte, dubito ci fosse il sale). Ovviamente fu una delusione totale e per i 15 anni successivi non mi è mai sfiorata l’idea di riprovarlo. Fino a che scopro che addirittura il preparato per purè poteva essere usato in altre ricette Sorpresa, al che l’ho ricomprato e… ora non manca mai nella mia dispensa (le patate finisce che germogliano sempre Pensieroso). Oggi vi propongo la ricetta base: il purè, ma… a modo mio! Occhiolino

Ingredienti:purè

  • una confezione di fiocchi di patate
  • acqua e latte come indicato in basso
  • un cucchiaio di burro o margarina
  • due cucchiai di parmigiano reggiano
  • noce moscata (un pizzico)
  • prezzemolo tritato (un cucchiaio raso)
  • aglio (io in questi casi uso l’aglio secco passato al macina-spezie)
  • sale q.b.

Procedimento:

  1. Dato che spesso utilizzo il purè per creare qualcosa di diverso, la consistenza che di solito ha seguendo le istruzioni per la preparazione nelle confezioni è, per me, troppo liquido. Quindi invece dei 200g di acqua e 200g di latte di solito previsti, io utilizzo 150g di acqua e 150g di latte. In questo modo la consistenza del purè è adatta ad essere lavorato con un sàc a poche.
  2. Portare a bollore acqua e latte con il cucchiaio di burro, la noce moscata, l’aglio e il pepe. Spegnere e aggiungere i fiocchi di patate. Mescolare energicamente. Unire il formaggio, il prezzemolo ed aggiustare di sale secondo il proprio gusto.
  3. Mettete il purè in un sàc a poche e su una teglia creare dei riccioli (come per le patate duchessa) e passare qualche minuto sotto il grill del forno fino a doratura..
    N.B. Se non si riduce la quantità di liquido rispetto a quello indicato nelle istruzioni, le duchesse si afflossceranno inesorabilmente! Sperimentato!

purè

L’idea in più…:

Continua a leggere “Purè di patate a modo mio”